Fuggendo dalla pressa mediatica

Il Festival del Lamento

Posted by on Giu 11, 2014 in Intorno a noi | 0 comments

Il Festival del Lamento

E’ in corso l’edizione del Festival del Lamento.

L’Edizione è nel tempo indefinibile.
Sì perché il Festival del Lamento non si sa quando sia nato di preciso.
La sua Edizione è continuamente in corso, mutano gli argomenti ma la sostanza del lamento fine a se stesso non cambia.

 

 

I requisiti per partecipare?
NON avere speranze.
NON avere fiducia in se stessi.
NON credere più a nulla.
NON credere che ai luoghi comuni.

 

Chi per primo ha indetto il Festival non è dato saperlo.
Ma cosa l’avrà mai spinto?
Una mancanza.
Un desiderio di cambiamento vissuto senza coraggio.
Verso qualsiasi cosa e nessuna in particolare.

La mancanza, il vuoto…
Eppure, se riflettiamo, di cosa mai avremmo da lamentarci?
Se ci guardiamo indietro, sembriamo la generazione umana che vive meglio di tutte!

Nelle nostre case non battiamo i denti dal freddo d’inverno e scorre l’acqua corrente per lavarci e cucinare.
Se pensiamo che i nostri avi si dovevano alzare all’alba per avere il fuoco e l’acqua necessarie alla vita di tutti i giorni!

Le condizioni di vita sono migliorate sotto ogni aspetto!
Non esistono più balzelli insulsi per i poveri escogitati per mantenere nell’ozio ricchi nullafacenti!

Le donne e i bambini sono rispettati.
Le guerre che hanno devastato interi continenti sembra non esistano più…

Chi dobbiamo ringraziare per questo?
Coloro ai quali tutto questo mancava!
Sapevano dare un senso alla mancanza, al vuoto che sentivano dentro.
La fame, vera e di giustizia, li ha spinti a lottare.

A quei tempi il Festival del Lamento non esisteva.

Le prime edizioni sono nate dal Nulla.
Sì, dal Nulla che ci circonda, fatto di cose date per scontate, di desideri fasulli e indotti da inseguire come se la nostra esistenza dipendesse solo dalla loro immediata soddisfazione!
Presi come siamo dal vortice del Nulla, non sentiamo più la spinta interiore, la fame che ha animato coloro i quali ci hanno preceduti!
Nemmeno sapremmo più individuare cosa ci manca!
Narcotizzati come siamo da vani desideri esauditi. Futili, immediati e per questo banali: ci spingono alla ricerca di altri uguali facili da  soddisfare.

Abbiamo indetto il Festival del Lamento per dare voce al vuoto che abbiamo dentro.

Non esisterà mai un vincitore.
Non esisteranno mai vinti.

Solo un continuo, perpetuo, sterile, lamentarsi.

 

Lascia un commento

Ti piace il Festival…o vorresti vederne la fine?

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Instagram