Fuggendo dalla pressa mediatica

Liguri

Posted by on Apr 27, 2018 in I Miei Libri | 0 comments

Liguri

Siamo, noi Italiani, un popolo formato dalla fusione di più genti.
Forse sta tutto qui, il fascino che esercitiamo sugli stranieri.
Sentirsi italiano viene dopo il sentimento di appartenenza alla propria Regione.
E’ innato, spontaneo e non possiamo e non dobbiamo fare nulla per cambiare questo nostro modo di essere.
Per cui caratteristiche, usi, storia di quel popolo insito dentro l’italianità, sono noti anche oltre i confini della Regione di appartenenza.

Parlando di Liguri, ad esempio, si esalta la loro riservatezza quasi feroce. La poca disponibilità ad aprirsi ai foresti, come loro stessi chiamano i temerari che  osano varcare i confini del Passo del Turchino, o del Ponte San Ludovico a Ventimiglia!
La scarsa propensione a darsi, si manifesta, sempre ad ascoltare le dicerie su di loro, in proverbiale avarizia.

Sono solo luoghi comuni? Anche agli stereotipi corrisponde un granello di verità.

Aggirandomi tra gli scaffali di una Libreria, un libro ha attirato la mia attenzione. Copertina nera, con un cigno in volo, sovrastato dalla parola del titolo : “Liguri”, autore Luigi Colli.

Essenziale, come sono appunto, i Liguri.

“Gli antichi Liguri ritenevano il Cigno un animale sacro, e un emblema ancestrale”

Un invito ad andare oltre i preconcetti a proposito del popolo ligure.

Magari, leggendolo, avrei scoperto non solo le origini dei Liguri, ma del loro modo di essere in questo presente. Perché sono sempre stata convinta che l’indole degli abitanti di un Luogo, sia da ricercarsi nelle sue radici più lontane.
Presenti, più di quanto immaginiamo, nei nostri gesti quotidiani.  Nelle nostre reazioni agli eventi della vita.

 

Un libro  non si racconta.
Il piacere della sua lettura è qualcosa da vivere intimamente.

Posso solo dire come, leggendo “Liguri” di Luigi Colli, certi tratti di nostri tratti dati per scontati, o assunti come stereotipo e per questo ripetuti a caso, abbiano invece assunto un significato profondo.
Atavico.

Come  di alcune abitudini, alle quali mai ho voluto rinunciare, ho compreso il senso.
Il rituale di un gesto.

Leggere “Liguri” di Luigi Colli è stato per me sorprendente.
Come una conferma di qualcosa che, istintivamente, già sentivo.

 

Da leggere perchè

Se sei Ligure e vuoi conoscere da dove tutto e cominciato. Se non lo sei, e vuoi andare oltre i preconcetti.

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Instagram